La forza dell’abitudine..

#1 Qual è l’abitudine di cui parlo e come si è creata.
Non so più bene quando è cominciata questa “malattia”, ma ricordo il perché. Quando andavo al liceo – ho avuto il mio primo cellulare a luglio dopo gli esami di terza media – avevo sempre l’operatore sbagliato; o meglio, l’operatore che i miei avevano scelto per me. Probabilmente anche per questo usavo poco il telefonino, perché io avevo la tim come un buon 40enne dei tempi e tutti gli altri massaggiavano giornate intere con le offerte. Poi un bel giorno conobbi una persona speciale, una di quelle che ti cambiano la vita. E, tanto per cominciare col piede giusto, ti fanno prima cambiare scheda e passare a wind. 2 euro soltanto e 4000 sms gratis verso i compagni dello stesso operatore tutti per me, per un mese.
E che fai non li usi? Sono riuscito anche a finirli un mese, per sfida. E poi anni, e anni, e anni…e ancora anni…e anni di “pratica”…

#2 Come mi sta rovinando.
Un sms non ha mai ucciso nessuno, si sa. O almeno fisicamente no. Io sono stato anche lasciato via sms, ma quella è un’altra storia!
Un giorno feci un biglietto aereo per il Belgio con Ryanair; 28 euro spesi bene, andata e ritorno, tasse incluse. Mai potevo immaginare, a gennaio quando lo feci, che in 4 giorni soltanto avrei speso più per ricaricare il cellulare che per il viaggio – e solo in sms! Ma pazienza, le persone speciali bisogna tenersele strette!

E ora, una serie di riflessioni molto personali…
Intanto grazie wind per i messaggi gratis! Dico sul serio! Spero solo (per le mie finanze) che non ti venga mai la felice idea – carissima wind – di eliminare questa offerta dal mercato o disattivarla tra qualche anno. È vero che tu avresti un fatturato da far diventare verde di invidia la bonanima (cit.) di Steve Jobs, ma io andrei in bancarotta in men che non si dica…
La cosa che più mi turba è che non esistono offerte vantaggiose per chi si reca all’estero. E parlo di europa, non voglio nemmeno immaginare cosa significhi usare un cellulare per chiamare dall’america! Insomma, tutti i gestori pretendono un mensile di ricarica per parlare qualche minuto al telefono…qualcuno una volta mi disse che esiste una legge basata sull’ignoranza che ha un interlocutore, quando ti chiama, rispetto al posto dove tu ti trovi. Mi sono spiegato coi piedi ma, per farla breve, se io vado all’estero pago anche per ricevere una chiamata da te che, chiamandomi, non sai se sono o meno nel bel paese. Ad esempio, voi amici wind verso di me non pagate nulla in questi giorni, ma io si! Che fregatura…
Avevo provato ad acquistare una scheda per chiamare dal cellulare agli altri cellulari. Risultato? Per 3min circa di conversazione ho pagato circa 3 euro per chiamare quella specie di numero verde dal Belgio e mi hanno scalato più di 4 euro di credito della scheda. Già chiamando da un fisso non pago quei 3 euro, ma devo parlare da casa dei miei zii 😦 insomma se sei uno che ama viaggiare e non hai internet a portata di mano (che poi la connessione da smartphone dall’estero costerebbe pure) sei fregato!

Annunci

4 thoughts on “La forza dell’abitudine..

  1. Io nella selva delle offerte mi ci perdo, è veramente un caos! E non ho mai cambiato tariffa, una ne scelsi e quella rimase…le volte che ho cercato di capire se per caso ce ne sia una più vantaggiosa ho perso solo tempo a decifrare il tutto…ma io sono notoriamente poco paziente!!!

  2. in teoria dovresti attivare una di quelle tariffe per l’estero..per lo meno…la tim le ha ma credo anche gli altri operatori…
    oppure fai come me…anche se forse quando sei nato tu già non esistevano più :D… quando sei all’estero…compra una bella, sana, simpatica e cordiale…scheda telefonica per cabine 😀
    Quando vado in Irlanda faccio praticamente sempre così…altrimenti..qualche messaggino ogni tanto e basta e se chiamano…utilizzo il bellissimo pulsante rosso 😀

  3. Se non ci fossero gli sms….
    Figurati che una volta mi avevano disattivato la promozione perché superai il numero massimo giornaliero…
    Ora mi so controllare meglio, anche se rimango comunque un grandissimo scrittore di sms, ovviamente verso i Vodafone (leggi: GRATIS ;))
    L’estero è proibitivo!! In Spagna fortunatamente avevo un telefono fisso e la mia famiglia aveva comprato una scheda per telefonare all’estero (ed era convenientissima!!), quindi chiamavano loro. Io mi ero comprato una scheda spagnola, che utilizzavo ovviamente per telefonate spagnole. Se dovevo chiamare in Italia, c’era skype…o messenger… Ma mentre ero in Spagna sembra che molta gente si fosse dimenticata di me, quindi pure io non è che facessi lunghe telefonate verso l’Italia…ma anche questa è un’altra storia…

  4. un altro sms dipendente,evvai!Io non ho mai avuto una scheda wind,anzi ti dirò..per quanto conveniente possa essere,credo sia l’operatore che odio di più..sarà per quei 3 facce da keiser di Aldo,Giovanni e Giacomo!Attualmente,dal 2006 ad oggi,vado avanti con un numero Vodafone e con una ricarica da 10 euri tiro avanti tutto il mese tra sms gratis verso tutti i vodafone,chiamate illimitate al mio numero preferito,e internet tascabile per il mio iPhone 4s!Non cambierei mai operatore…ma mi hai fatto venire in mente una cosa troppo tenera!Quando arrivai in 2° liceo i miei mi regalarono il mio primo cellulare,un Motorola a grandezza cabina telefonica con un’antenna talmente lunga che se chiamavo dal piano terra di un palazzo scaccolavo di brutto la signora che stendeva i panni in terrazzo!!!E anche io avevo una maledettissima scheda TIM!!
    ah..bei ricordi! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...