Chip e luoghi comuni sui cani..

Ve lo ricordate Arturo? Non sono riuscito a trovarlo più. Poco tempo dopo ho adottato un altro cagnolino di Pizzo Calabro, anche lui un incrocio, taglia medio-piccola (spero!)… il suo nome è Willy!

Sto cercando di educarlo a stare nel cortile di casa e a comportarsi bene: non fare la pipì in terrazzo, non mordere tutto quello che gli sta a tiro, ecc… ma ci vuole tanta pazienza!Navigando navigando, mi sto facendo una cultura.
Allora, la prima cosa che si dovrebbe fare quando si prende un cucciolo, sarebbe quella di iscriverlo all’anagrafe canina – magari rivolgendosi ad un veterinario. Il veterinario è una figura importante poiché oltre ad essere colui che si occupa dei vaccini periodici, può impiantare il chip al vostro cagnolino. Ma parliamone. Perché anche qui ci sono speculazioni!
Innanzitutto, nella nostra zona geografica pare che i vaccini contro la rabbia siano totalmente inutili ai fini della nostra salute e di quella dei nostri amici a quattro zampe. La rabbia da noi “non c’è”.
Il chip, invece, è obbligatorio per legge. Pena verbale, che può arrivare anche alla modica somma di 3mila euro. Ci sono anche dei controlli, è vero questo. Però se si avvicina qualcuno (tipo una guardia zoofila, credo) è obbligato per legge a chiedere il “permesso” per leggere il chip di identificazione del nostro cane. Ci si può anche rifiutare.
Ma questo chip come è fatto? Serve?
“Il microchip è un circuito integrato applicato nel tessuto sottocutaneo di un cane, gatto, o di un altro animale. I microchip sono delle dimensioni circa di un chicco di riso e sono basati su una tecnologia passiva RFID.” (Wikipedia)
In parole povere, è un dispositivo che permette il riconoscimento del cane. Vero. Ma poiché non emette un segnale, anzi, è necessario disporre di un lettore apposito per recuperare l’informazione, in affetti se perdete il cane o qualcuno lo ruba, ecc, non c’è modo di ritrovarlo grazie al chip. Il chip serve solo a riconoscere l’animale, ma non a localizzarlo. In effetti è un valido sostituto all’ormai desueta abitudine di tatuare i nostri animali.

Curiosità.
Ci sono molti luoghi comuni sui cani: alcuni sono veri, altri falsi, altri probabili. Vediamoli da vicino e cerchiamo di capire un po’ meglio.
#1 I cani guariscono leccandosi le ferite.
No. Anzi, è proprio il contrario: leccandosi le ferite i cani rischiano di infettarle con i vari batteri che hanno in bocca. Se proprio non si riesce a far desistere Fido dal leccarsi le ferite, è utile applicargli il collare elisabettiano (LINK).
#2 I cani non vedono i colori.
Sì e no. I cani vedono il blu, il viola e diverse tonalità di grigio per noi impercettibili. Vedono anche quando c’è poca luce.
#3 I cani scodinzolano quando sono felici.
Anche, ma non solo. Lo scodinzolio felice è quello quando la coda è ad altezza media e va avanti e indietro naturalmente e anche orecchie, bocca e corpo di Fido sono rilassati. Se la coda, invece, è alta e ferma allora sta difendendo il territorio mentre se è bassa significa che il cane ha paura.
#4 I cani sentono il diabete.
Vero. I cani possono fiutare il calo di zuccheri nel sangue di un diabetico e avvisare la persona con guaiti o con abbai. Alcuni cani sono addestrati per sentire l’ipoglicemia e nel 90% dei casi fanno centro.
#5 I cani si possono baciare tranquillamente sulla bocca.
No. È una pratica che molti facciamo, ma è pericolosa per la nostra salute. Insomma, il cane prende in bocca di tutto, non ultimo le sue parti intime quando le pulisce…
#6 I cani soffrono per il fumo passivo.
Sì. I cagnoloni soffrono il fumo passivo: per cui se fumate e avete un cane, smettete di fumare. Si è visto che i cani con il muso lungo esposti a fumo passivo sono soggetti a tumori nasali, mentre quelli a muso corto sono soggetti a tumore ai polmoni.

Annunci

13 thoughts on “Chip e luoghi comuni sui cani..

  1. Farsi baciare/leccare da un cane: ogni volta che vedo qualcuno che lo fa mi sento male dallo schifo…
    Speriamo che Arturo sia solo scappato e stia bene… Willy, come già ti ho detto su FB, è troppo bellino!! Se fosse veramente di taglia medio/piccola potrebbe tenerlo forse pure io 😉

    • Concordo col bacio in bocca!!
      Ma ci sono anche sti tipi che lo fanno…io conosco un ragazzo che lavava i denti della sua cane col dentifricio e lo spazzolino e lo baciava tranquillamente…bleah!!

  2. E’ bellissimo! 🙂
    Una curiosità sul nome Willy… in English significa anche “pisellino” … 🙂
    Bello questo articolo, anche la parte riguardante i luoghi comuni.
    Quando vedo qualcuno che bacia sul muso il cane mi viene un vomito assurdo.. non sanno quello che stanno facendo, perchè nella saliva del cane c’è una flora batterica che può contenere germi seriamente patogeni per l’uomo!!
    Ciaoooo

  3. sul discorso dei baci in bocca…e di molte altre cose…sono assolutamente contraria. Ho in questo momento 8 gatti, li adoro, sono parte della mia vita, sono come bambini, MA sono pur sempre animali, e con tutto il rispetto, l’amore e la cura che ci metto per farli stare bene, ci sono certe cose che non farò mai e che non concepisco 🙂
    In bocca al lupo per l’educazione 😀 io coi gatti non ho speranza, sono amorevolmente degli stronzetti 😀 ma che ci posso fare…a me piacciono così eheh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...